Giornata del Libro: #ioleggoperché leggere è un piacere

libro leggere

Dal 21 al 29 ottobre si terrà la terza edizione di #ioleggoperché, iniziativa nazionale di promozione della lettura, organizzata dall’Associazione Italiana Editori.
Sono tanti i testimonial dell’evento, da Pierfrancesco Favino a Erri De Luca, da Giovanni Allevi al ministro Dario Franceschini.
L’obiettivo è la diffusione della lettura: si tratta di una cosa non scontata, perché i numeri dicono che ancora in Italia si legge poco.
In questo caso Italia sveglia non è solo lo spazio che ospita questa riflessione, ma anche un invito a prendere in mano un libro di qualunque genere per riappropriarsi del proprio tempo e fare un gesto rivoluzionario di questi tempi: avvicinarsi alla cultura e pensare criticamente.

Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita: la propria! Chi legge avrà vissuto 5000 anni: c’era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia, quando Leopardi ammirava l’infinito… perché la lettura è una immortalità all’indietro. (U. Eco)

Questa riflessione di Umberto Eco spiega bene come leggere apre infinite possibilità: di astrazione dalla realtà, di conoscenza,…
Insomma si tratta di un piacere che consente di vivere avventure impensabili, di imparare a mettersi nei panni degli altri e confrontarsi con storie vicine e lontane da noi.
E’ un arricchimento: un viaggio unico, da fermo, quindi comodo ed economico, ma che regala emozioni incredibili, che nemmeno il cinema riesce a dare.
Accade spesso infatti che le trasposizioni cinematografiche di libri che ci hanno appassionato non toccano le stesse corde. Perché? Perché leggere dà una libertà che ormai poche cose al mondo danno: la fantasia!
Viviamo in un’epoca in cui le piccole librerie chiudono e sullo smartphone si scorrono notifiche velocemente, dando importanza solo alle immagini.
Inoltre erroneamente crediamo di essere informati e di leggere attraverso le notizie dal web che spesso sono di dubbia provenienza e di qualità scadente.
Questo ci fa male: non è paragonabile alla lettura: spegnamo il cellulare, apriamo un bel libro e riappropriamoci del gusto di leggere!
La lettura ha risvolti positivi sul benessere della persona e illumina la mente anche nei momenti più bui: Un bambino che legge sarà un adulto che pensa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *